venerdì 8 febbraio 2019

CLARISONIC VS FOREO: QUAL È IL MIGLIORE?


È meglio il Clarisonic o il Foreo?” credo sia diventato un po’ il dubbio amletico dei nostri giorni, subito dopo l’ “È nato prima l’uovo alla gallina?”

In effetti è un quesito che mi rivolgete abbastanza spesso, e per questo oggi ho deciso di scrivere questo post in collaborazione con Notino.it  che mi ha dato la possibilità di provare il Foreo, spiegarvi quali sono i pro e i contro di ognuno dei due congegni e dirvi quale, secondo me, è il migliore tra i due.


Prima di cominciare, vi ricordo che su Notino.it trovate tutta una selezione di regali di San Valentino pensati per lui e per lei, tra cui troverete appunto il Foreo!



Innanzitutto facciamo un passo indietro per chi non conoscesse l’argomento di cui stiamo parlando: sia il Clarisonic che il Foreo sono due congegni per la pulizia del viso ad uso domestico; il primo ricorda un maxi spazzolino da denti elettrico, pensato però per la nostra faccia, il secondo è un piccolo “ufo” in silicone che svolge più o meno la stessa azione, ma in maniera totalmente differente.


Penso di essere stata una delle primissime persone ad avere il Clarisonic in Italia, perché lo comprai in America appena uscito, quando qui ancora non esisteva. Ho voluto metterlo a confronto con il Foreo sotto ogni punto di vista, così da farvi un’analisi quanto più esaustiva possibile per aiutarvi a decidere come investire il vostro denaro.


IL FORMATO.

La prima differenza che salta all'occhio è sicuramente il formato: per quanto ergonomico, il Clarisonic è ingombrante e pesante, mentre il Foreo è sicuramente molto più pratico e compatto. Se scegliete la versione Foreo Play, inoltre, anche le dimensioni incidono sostanzialmente, visto che è quattro volte più piccolo del Clarisonic. Questo aspetto - sebbene forse ininfluente a casa - è decisivo quando si viaggia, ed infatti non nego che non mi sono mai portata dietro il mio Clarisonic per motivi di spazio e peso in valigia, mentre trovo che il Foreo sia decisamente travel-friendly.

L’IGIENE. 

Il secondo punto cruciale in questa “battaglia” dei congegni è secondo me l’igiene: come potete vedere anche dalla foto, la testina del mio Clarisonic è decisamente pensionabile, e non  ne ho acquistata una nuova perché Sephora non le rivende più e comunque ora sto utilizzando il Foreo, ma decisamente rende ad accumulare sporco e batteri come una spazzola per capelli. 
Questo perché, una volta finito di utilizzare, rimane umido, in un ambiente tendenzialmente caldo come può essere il bagno, e questo favorisce tantissimo la formazione di germi. Il Foreo, invece, è nettamente migliore in termini sanitari perché il materiale che lo compone è considerato bacteria-resistant.


LA DURATA. 

Il Foreo Play ha un tempo di vita “predestinato”, di circa 100 utilizzi. È stato concepito per dare modo alle persone di poter provare la magia del Foreo ad un costo contenuto, il che ha perfettamente senso per me. 
Il Foreo, invece dura per tutto il suo ciclo vitale, e soprattutto non ha testine che devono essere cambiate ogni tot.

IL COSTO. 

Il Clarisonic ha delle testine che non costano poco (circa 30 euro l’una) e doverle ricambiare spesso grava in maniera consistente sui bilanci. Il Foreo è uno e non ha bisogno di accessori supplementari, quindi una volta affrontata la spesa non dovrete preoccuparvi più di nulla (tranne se e quando sarà il momento di cambiarlo).


GLI EFFETTI. 

Me ne sono accorta fin da subito che il Foreo mi lascia una sensazione di freschezza e pulizia che il Clarisonic non mi ha mai dato!
La sua forma permette di arrivare negli angoli più difficili – come intorno al naso – e, in generale, la piacevolezza nell’utilizzare questo accessorio è sicuramente maggiore, perché sembra quasi un massaggio facciale che non va a “grattare” la faccia come spesso fa il Clarisonic.

Questo è un altro punto che mi sento di mettere in luce: le microabrasioni create dal Clarisonic, a lungo andare, possono andare a danneggiare la pelle, soprattutto se premiamo troppo forte o utilizziamo una testina troppo aggressiva per il nostro tipo di pelle. Questo può causare irritazioni, che possono poi sfociare anche in sfoghi più seri come psoriasi, eczema o acne.
L’ho usato per anni in maniera non sempre costante, perché sentivo che non facesse esattamente al caso mio, e a volte mi sembrava troppo aggressivo per la mia pelle delicata. All'inizio, addirittura, utilizzandolo tutti i giorni mi fece uscire degli sfoghi tremendi, e fui costretta a lasciarlo perdere per un po’. 
Alla fine ero arrivata al punto di utilizzarlo una volta a settimana, mentre il Foreo posso utilizzarlo anche tutti i giorni senza alcun tipo di problema (io preferisco comunque utilizzarlo a giorni alterni).



CONCLUSIONI.

Foreo o Clarisonic, dunque? L’avrete intuito da soli, il Foreo è superiore al Clarisonic, perché le sue tesine puliscono meglio, non fanno male alla pelle e riducono la possibilità di formazione di batteri.  
iI Clarisonic è quindi un cattivo prodotto? Ni. L’ho usato per anni, ma non mi ha mai cambiato la vita, infatti non ho mai consigliato a tutti di comprarlo a tutti i costi e l’ho usato molto meno di quanto avrei voluto, considerato quanto l’ho pagato. Il fatto stesso che Sephora abbia deciso di non vendere più il Clarisonic e concentrarsi solo sul Foreo è secondo me molto significativo sulla qualità di quest’ultimo.

Ma attenzione, perché non è detta l’ultima parola: ho già visto che il Clarisonic sta affilando le armi e preparato una nuova spazzola con setole in silicone che potrebbe nuovamente cambiare il risultato…

Voi per chi tifate? Foreo o Clarisonic? 
Fatemelo sapere in un commento qui sotto!



Follow


7 commenti:

  1. Annosa questione, davvero.
    Io non ho il Foreo, solo il Clarisonic, per cui conosco direttamente solo un dispositivo. Uso le testine più delicate, la cachemire e quella per pelli sensibili (rosa). Adesso che da Sephora non tengono più il marchio, mi dovrò arrangiare col sito ufficiale. Detto questo, io mi ci trovo benissimo, con un detergente spumoso riesco a pulire la pelle in profondità, senza irritazioni: certo, non lo uso tutti i giorni, ma un paio di volte alla settimana, la sera, per esfoliare bene.
    Poi, chissà: magari un giorno prenderò pure il Foreo, sono sempre curiosa 😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io uso le Cashmere, sono le uniche con cui mi trovo. Il Clarisonic lo conservo, ma lo utilizzerò a mò di "scrub" se capisci cosa intendo dire una tantum ^_^

      Elimina
    2. Ottima idea! Con quello che costa riciclarlo è cosa saggia, anche se ti trovi meglio col Foreo. Poi ho visto che c'è pure il Foreo Ufo, o un nome simile, per applicare le maschere (?): non ci ho mica capito molto come si usa...

      Elimina
    3. Sì, credo serva a far penetrare le maschere pi a fondo nella pelle... e poi è appena uscio il Fofo, l'hai visto nelle mie stories su Instagram?

      Elimina
  2. Foreo tutta la vita ;-)
    Che poi io ho quello...ehm...di sottomarca. Ma la cosa che mi ha colpita è che, incredibile ma vero, pulisce davvero: non ho capito come e perché, ma pulisce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah grazie alle setole in silicone che "sollevano" lo sporco dalla pelle, ma con delicatezza ^_^

      Elimina
  3. io sono una fan di Foreo :-)

    RispondiElimina