martedì 20 giugno 2017

BENEFIT COSMETICS - POREFESSIONAL PRIMER REVIEW


BENEFIT COSMETICS POREFESSIONAL
REVIEW & SWATCHES 

Oggi invece di novità voglio parlarvi di “grandi classici”, uno dei prodotti più famosi dell’intero universo beauty: il PoreFessional di Benefit Cosmetics.

Benefit è uno dei miei marchi preferiti in assoluto: i loro prodotti sono altamente performanti, producono alcuni tra i miei trucchi preferiti (la matita Goof Proof di cui vi ho parlato qui, la terra Hoola che vi ho recensito in questo post e via dicendo) e devo dire che i loro packaging sono tra i più divertenti e stratosferici che ci siano in commercio, senza però essere troppo leziosi o bambineschi. Diciamo che sono belli da vedere, divertenti, mettono buon umore, ma allo stesso tempo le loro strutture sono estremamente semplici e pratiche (secondo me le scatoline delle loro Box O’ Powder sono tra le migliori confezioni per polveri che ci siano).

Negli ultimi anni ho notato che hanno alzato molto i prezzi, ma devo dire che i loro prodotti mi durano veramente tantissimo tempo (ad esempio la terra anche quasi un anno, utilizzandola ogni giorno) quindi non mi dispiace pagare un prezzo per un prodotto di qualità, performante e che duri nel tempo.
Il PoreFessional è il loro primer viso atto a minimizzare i pori e ridurre l’eccesso di sebo, tenendo a bada l’oleosità e facendo sì che il viso non si lucidi durante il giorno. La cosa interessante è che si può utilizzare sia sotto che SOPRA il fondotinta, e questa era una cosa che mi incuriosiva molto quando mi sono approcciata a questo prodotto per la prima volta.

Il nome è geniale, come sapete adoro i giochi di parole, e la confezione è deliziosa, un pratico tubetto a strisce retrò disponibile in 3 formati: da 7,5 ml (€13,90), da 22 ml (€35,00) e da 44 ml (€57,00). È un prodotto a mio avviso molto caro, come fascia prezzo trovo arrivi quasi ai marchi luxury come Armani e Yves Saint Laurent che generalmente producono formati da 30 o 40 ml per un costo medio analogo, ma la mini size vi dà la possibilità di provarlo per bene senza dover spendere un capitale. 


Benefit definisce il PoreFessional come un balsamo: la texture in effetti è molto particolare, altamente siliconica e secca e perfettamente liscia, ma al tempo stesso sfregandola tra le dita sembra quasi ruvida, ed immagino che questa sensazione sia quella atta a riempire i pori. Farò un’analogia probabilmente molto stupida, ma la consistenza mi ricorda un po’ quella del Parodontax.

Il colore è di un beige aranciato che dovrebbe adeguarsi a qualsiasi colore di pelle, ed infatti il PoreFessional può essere utilizzato anche da solo sul viso per uniformare l’incarnato nei giorni in cui non abbiamo voglia di truccarci.
Va applicato non diffondendolo con le mani su tutto il viso, ma picchiettandolo con i polpastrelli nei punti in cui serve (guance, attaccatura del naso, centro della fronte, mento e ovunque abbiate pori visibili) in modo che il prodotto penetri meglio e vada proprio a riempire i pori. Io personalmente lo utilizzo anche come primer occhi e soprattutto mi piace picchiettarlo sotto il condotto lacrimale per attenuare le piccole linee d’espressione che si tendono a formare lì e che fanno crepare il correttore.

Con il PoreFessional, a differenza di altri primer, preferisco aspettare qualche minuto per farlo agire prima di procedere col fondo, invece di passare direttamente al maquillage. In questo modo, il prodotto si asciuga e si fissa sul viso creando un film a cui la nostra base viso aderirà meglio rispetto alla pelle nuda.

Utilizzo questo primer da parecchio tempo e, a malincuore, devo dire che non capisco tutto l’hype che riceva nella sfera del mondo beauty. È un primer sicuramente più adatto ad una pelle da mista a grassa che a una da normale a secca, perché su questa seconda tipologia non sortisce risultati strabilianti. 
La pelle  appare più levigata come dopo l’utilizzo di qualsiasi altro primer, e l’effetto è temporaneo, infatti la stessa azienda suggerisce di riapplicarlo da sopra il fondotinta in caso di necessità durante la giornata. Io personalmente ci ho provato ma preferisco di gran lunga incipriare il viso con una cipria come quella di Hourglass Cosmetics (di cui viho parlato qui) che riapplicare il primer, non mi sembra un prodotto nato per questo scopo e lo vedo come uno spreco, soprattutto considerando il costo. Inoltre non trovo prolunghi di molto la tenuta del makeup, ma la sua funzione rimane solo quella di riempire e minimizzare i pori.


Nelle foto vi ho sottoposto la grana della mia mano a… lente di ingrandimento
Il risultato potete giudicarlo da soli, sicuramente un minimo di effetto ce l’ha, ma non lo trovo particolarmente eccezionale rispetto ad altri primer. 
Ho fatto anche delle prove in cui, in alcuni giorni, lo applicavo solo su metà viso, e devo dire che non ho mai riscontrato notevoli differenze tra la parte trattata e quella no.

In definitiva, per me questo prodotto è un : fa il suo dovere, ma niente che mi abbia sconvolto la vita tanto da spingermi a ricomprarlo, soprattutto visto il prezzo. In giro ci sono certamente primer viso migliori ad un costo pari se non inferiore: se cercate un’alternativa economica, ad esempio, vi consiglio di provare il Baby Skin di Maybelline che è veramente molto simile.

Inoltre, il PoreFessional non ha all’interno alcun ingrediente che aiuti effettivamente la pelle, quindi preferisco investire i miei soldini in una skincare efficace e risparmiare su un primer che, a conti fatti, è composto in gran parte da una miscela di siliconi siliconi e basta.

Voi cosa ne pensate? 
Avete mai provato questo prodotto? Come vi siete trovate?
Fatemelo sapere come sempre nei commenti qui sotto e ditemi quali sono i vostri primer preferiti!
 

Follow










 Follow me! ♥







1 commento: