domenica 26 giugno 2016

CENTO COLPI DI SPAZZOLA


CENTO COLPI DI SPAZZOLA 
PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

Siamo cresciute come moderne principesse, convinte di dover essere salvate da un principe azzurro e di doverci dare quei famosi cento colpi di spazzola prima di andare a dormire per avere capelli splendenti come nelle favole.  
Col tempo siamo diventate grandi, abbiamo affrontato streghe cattive e baciato numerosi rospi, e non solo abbiamo capito che siamo capaci di salvarci da sole, ma anche che quei cento colpi di spazzola non fanno altro che danneggiare ed indebolire i nostri capelli.

Per fortuna è arrivato lui, Giorgio Janeke, a regalarci il lieto fine: la storica azienda 100% made in Italy  affonda le sue radici nel ben lontano 1830, e da oltre 180 anni produce prodotti ed accessori per capelli (ma non solo) nei materiali più innovativi ed igienici, sfruttando tecnologie moderne e prestando molta attenzione al design - estremamente femminile ed elegante.

La tradizione di pettini, spazzole e specchi ornamentali in plastica e legno che venivano prodotti rigorosamente a mano nella Milano del secolo scorso è stata tramandata ai figli che hanno reso di Janeke uno dei marchi storici italiani più solidi, nonché leader assoluto nel campo degli strumenti che noi donne utilizziamo di più ogni giorno per sentirci vere principesse.  

mercoledì 22 giugno 2016

DIARIO DI UNA TRANS: 3 MESI DOPO



DIARIO DI UNA TRANS
TRE MESI DI TERAPIA ORMONALE

L'altro giorno stavo leggendo un'intervista a Lea T., la modella transessuale musa di Riccardo Tisci nonché una delle donne che mi ha dato il coraggio ad intraprendere il mio percorso di transizione dopo aver guardato la sua bellissima partecipazione alle Invasioni BarbaricheUna delle frasi nella sua intervista mi è rimasta impressa nella mente: "Mi sono ritrovata a scoprire cose da adolescente con la testa da adulto. È stata una sberla di vita meravigliosa".

Non avrei saputo descriverlo meglio di così: diventare transessuale in effetti assomiglia molto ad un regredire all'età adolescenziale, a trovarsi a riscoprire tutto da capo - il proprio corpo, le proprie emozioni, la propria vita. 
In questi primi mesi da trans mi sento in effetti un po' una ragazzina alla scoperta del mondo: inizio a crearmi la stanzetta da femminuccia che non ho mai avuto, tutta rosa e bianca; sperimento con i trucchi e i vestiti, cercando di capire cosa mi stia meglio e cosa mi fa sentire di più a mio agio; a volte sbaglio, perché eccedo nel voler essere troppo femmina, ma credo sia normale, sto sperimentando i miei limiti, i miei spazi, cercando di capire quale sia il mio posto nel mondo. Anche l'amore ed il sesso cambiano, si deve rifare tutto da capo, come se ogni cosa fosse la prima volta: c'è una sensibilità maggiore e diversa, le voglia di baci e carezze prescindono da uno stato fisico e si trasformano in qualcosa di più dolce ed intenso; sarà anche che sto invecchiando e adesso sento il bisogno di avere al mio fianco una persona che mi ami e mi supporti e mi difenda, un po' perché sono stanca di dover lottare da sola, un po' perché essere donna mi sta facendo guardare il mondo da una prospettiva diversa ed ho voglia di condividere con qualcun'altro tutte queste scoperte, tutte queste esperienze, tutti questi sogni, queste opportunità, queste speranze. 

venerdì 17 giugno 2016

THE PARTY'S OVER


THE PARTY'S OVER

Happy birthday The Ladyboy!

I can hardly believe it but it's been two years since that fateful June 17th when I decided to start a new adventure and start my own space on the Internet where I could share my ideas, my style, my passions, my life.

In these past 24 months many things have changed. 
Me, in the first place.

In these two years I have grown with you, I brought you with me at Pitti Fragranze, at Altaroma and at NYFW, shopping around my favorite vintage boutiques, at Giffoni Film Festival and on the streets of New York. I have shown you the products I love most, my beauty secrets, my MtF transitional path that has received so much positive response, and it gave me the courage and strength to carry on with my held high and with a light heart.

I've changed so much - both physically and psychologically - I can read it in your eyes and in your comments. Definitely my style and my blog have evolved with me: I think - and hope - that they have both grown up and become more elegant, feminine and sophisticated. Yet at times I fear I err on sobriety, because I would like to succeed in the perfect mold of the perfect blogger, always be chic and trendy, with an exemplary and monochromatic Instagram account, never a single hair out of place, and all the photos with the chiwawa I do not own or people I do not know. 
But if you have learned to know me just a tiny bit, you know I am nowhere near to that:I am impulsive, stubborn, unpredictable, daring; I am moody and it's not easy to keep up with me. 
I am colorful, they are I am noisy and I am silent, I am romantic, foolish and sentimental. 
I am brave, I'm trouble and I make trouble. 
I am different things on different days. 
I am imperfect, and I love it.