giovedì 24 novembre 2016

THE MODERN AUDREY


THE MODERN AUDREY

Sono una ragazza all’antica: dico ancora “Grazie!”, “Scusa!” e “Per piacere”, mi acconcio i capelli con i bigodini di mia nonna ed esprimo un desiderio quando vedo una stella cadente. Sono una di quelle ragazze del Sud, nata e cresciuta in un paese di mare, che la mattina va a lavoro passando per il mercato rionale e poi torna a casa tra le botteghe dei fornai e le mercerie con le vetrine di legno dipinto e scrostato. La mia è una storia fatta di sanpietrini, di muretti diroccati che profumano di gelsomino, di castelli e di ponti costruiti in una notte da mille diavoli; una storia fatta di storie e di Storia, di “uagliuni” che giocano a pallone per i vicoli che raccontano di santi e di puttane, di quei giorni che odorano di sole e di salsedine, di borghesi aperitivi sul Corso e delle barche dei pescatori che a mezzanotte prendono il largo sotto la luna piena.
Nella mia famiglia non ci sono mai stati molti soldi, ma c’è sempre stato molto amore, e sinceramente non potrei sentirmi più ricca di così: ricordo che mia mamma ci teneva particolarmente che i nostri abiti fossero sempre perfettamente lavati e stirati, e l’amore e la cura con cui li conservava affinché potessimo continuare a metterli l’anno successivo. 
Queste piccole cose hanno contribuito a rendermi la persona che sono oggi, e spero sempre di operare in nome di quei valori e quei principi, nella vita come nel lavoro.

L’educazione, la gentilezza, e un’attitudine spontanea e semplice nei confronti della vita fanno parte di me, e a volte faccio a pugni con il mondo e pesto i piedi per terra perché mi sento spaesata, soprattutto qui su Internet. Più volte quest’estate vi avevo manifestato la mia volontà di chiudere il blog perché mi sentivo un pesce fuor d’acqua, ma per fortuna adesso so che posso portarlo avanti assecondando i miei ritmi e la mia persona: per me essere una fashion blogger non vuol dire dover apparire sempre e comunque, avere a tutti i costi la borsa all’ultimo grido o doversi vestire in maniera eccentrica o appariscente o modaiola; io credo che una fashion blogger dovrebbe dare consigli sul buon gusto ed il buon vestire, e vestirsi alla moda non sempre significa vestirsi bene, anzi, credo che spesso sia vero il contrario.

In un’epoca ed una società danno importanza ai valori e alle cose sbagliate e in cui è così facile perdersi e perdere l’autenticità, io ho voluto rendere omaggio ad un’attrice, un’icona, una ballerina, una mamma, ma soprattutto una donna che ha dedicato la sua vita ad amare nella forma più autentica e generosa che possa esistere. Per questo look, infatti, mi sono ispirata ad Audrey Hepburn, non solo un’icona di stile, ma anche un esempio di donna che seguo ed ammiro per la sua storia, il suo vissuto, le sue opere. Una donna che non ha mai dimenticato le sue origini, da dove veniva, e ha saputo ripagare a tempo debito di tutta la fortuna ricevuta diventando ambasciatrice dell’Unicef; una donna, la cui bellezza interiore non faceva altro che riflettersi all'esterno.

“Sono troppo magra, le mie orecchie sono sporgenti, i miei denti sono storti, il mio collo è troppo lungo”: la Hepburn è stata un personaggio controcorrente, un punto di rottura con tutti i diktat, tutti gli schemi, tutti i cliché del suo tempo; eppure, ancora oggi la sua delicatezza, la sua sobrietà, la sua figura esile ed il suo animo gentile, la sua femminilità sempre sussurrata e mai ostentata la rendono una delle icone di stile più celebrate, perché ha saputo mantenere i suoi look coerenti e consistenti di decade in decade, senza subire il fascino delle mode, ma incorporando i trend in quello che le piaceva indossare e le stava bene, scartando tutto il resto. Che è la cosa migliore che si possa fare, in generale: se una cosa è trendy ma vi sta male, non sembrerete tremendamente chic, ma tremende e basta.

La moderna Audrey io me la immagino così: un paio di jeans super skinny neri, per mettere in risalto il suo fisico da ballerina; scarpe Mary-Jane dal gusto retrò ma allo stesso tempo estremamente attuali, una versione rivisitata delle classiche ballerine - calzatura-simbolo della Hepburn - con quel po’ di tacco che slancia e aggiunge un tocco di femminilità in più; un mazzo di fiori comprato in tutta fretta, così, senza motivo, perché è una bella giornata e ti senti felice, avvolto alla bella e meglio in un foglio di giornale, occhialoni scuri e una borsa dalle inconfondibili linee pulite della scuola nordica - un classico senza tempo come lo stile dell’attrice. Un outfit estremamente minimalista e semplice - ispirato all'esistenzialista francese di “Cenerentola a New York” - nonché uno dei look più iconici e più indossati dalla Hepburn. Si presta perfettamente alla vita di tutti i giorni, quando non abbiamo voglia o tempo di metterci in ghingheri ma vogliamo comunque apparire carine e ordinate.

Protagonista assoluto di questo look è il trench, il capospalla passepartout per eccellenza, che richiama la famosissima scena finale di “Colazione da Tiffany”. Non c'è niente che suggerisca lo stile dell'attrice belga così come questo pezzo; persino lo stilista Michael Kors una volta disse: “Metti un trench, e all’improvviso di senti Audrey Hepburn che passeggia lungo la Senna”.

Vi lascio alle bellissime immagini scattate da Luca Ferrara in questa photostory che vuole essere un omaggio alla Hepburn fioraia in “My fair lady”, libraia in “Cenerentola a Parigi”, insicura in “Colazione da Tiffany”, accorta in “Storia di una monaca”, sofisticata in “Sabrina”: la donna dalle mille sfaccettature e dagli occhi grandi e scuri che ha incantato il mondo intero. 




Follow












WEARING: 

Maglioncino/ SWEATER: Paul Smith
Jeans: Only
Borsa/ BAG: Vagabond
Scarpe/ SHOES: Stiù 
Trench: H&M
Occhiali da sole/ SUNGLASSES: Chanel


 Follow me! ♥


[Photos: Luca Ferrara]

9 commenti:

  1. sei una ragazza splendida ed una donna meravigliosa, ricca di qualità fascino e sensualità.. i miei complimenti più sinceri per tutto ciò che riesci ad esprimere quotidianamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile Charlotte, sei davvero dolcissima!

      Elimina
  2. Sei di una bellezza che mi lascia sempre senza parole.
    Sono sempre stupendi i tuoi post, si vede quanta cura ci metti dietro ad ogni dettaglio <3
    Li leggo sempre dal telefono, devo impegnarmi a commentare sempre però!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille e non preoccuparti, anche io leggo quasi sempre i blog da cellulare e quindi è impossibile commentare! L'importante è che i miei post vi piacciano e li troviate interessanti, questo mi rende più felice di qualsiasi commento! :)

      Elimina
  3. Ma che bel post *_*
    Ho adorato tutto il pre (perché condivido le tue parole) e le foto, bellissime. E ho anche invidiato tantissimo la tua manicure *_* Non ho mai visto delle mani così ordinate ed eleganti e di mani curate se ne vedono in giro!
    Comunque complimenti anche a te per il blog, veramente ben fatto. Non lo conoscevo e sono rimasta piacevolmente stupita.
    Buona serata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow wow wow quanti complimenti, mi fai emozionare! Grazie infinite! :*

      Elimina
  4. Ciao, anche da parte mia complimenti per l'outfit e lo stile elegante e caldo della scrittura.
    Non chiudere il blog...se non fosse stata una cara amica a darmi il link avrei perso tantissimo, nonostante anch'io come te abbia un rapporto conflittuale ma necessario con la tecnologia. Leggerti è come averti vicina, sembra ogni volta di poter alzare lo sguardo e trovarti lì, seduta e dolcemente sorridente. Coraggio! Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile Viola, grazie davvero! Per ora non mollo, grazie anche a tutto il vostro affetto e al vostro supporto!

      Elimina
  5. bellissime queste foto!
    ti leggerei tutto il giorno...

    www.thefashionprincess.it

    RispondiElimina