martedì 26 maggio 2015

L'OREAL LA PALETTE NUDE 1: REVIEW & SWATCHES


L'OREAL "LA PALETTE NUDE" BEIGE 

Ciao bambole!

Oggi finalmente riesco a recensire per voi l’ultima arrivata in casa L’Oréal, la nuovissima La Palette Nude, che io ho nella colorazione Beige
Questa palette è in vendita in tutte le profumerie e supermercati che trattano i prodotti L’Oréal, ha un costo che si aggira tra i €19,90 e i €22,90 per 7 gr di prodotto ed il PAO è di 24 mesi dall’apertura.

Comincio subito col dire che aspettavo questa palette da mesi: dal primo momento in cui l’ho vista sul canale di una delle mie YouTuber americane preferite – Tati – ho desiderato che la distribuissero anche in Italia, perché mi ero innamorato dei colori, della pigmentazione, e trovavo fosse una palette molto versatile e perfetta da utilizzare tutti i giorni. Appena l’ho vista da Idea Bellezza, quindi, mi ci sono letteralmente fiondato sopra e l’ho comprata al volo, senza nemmeno darmi la pena di swatcharla o studiarmela bene, anche perché era in offerta lancio a €14,90 ed avevo già visto la review di Tati e per me bastava quello. Adesso ce l’ho più o meno da un mese, l’ho utilizzata parecchie volte e mi sono fatto un’idea più o meno precisa di questo prodotto.
Comincio subito col dire che la versione italiana e quella americana sono piuttosto diverse: innanzitutto lo è la selezione dei colori, che cambiano leggermente e ce ne sono due completamente diversi (un marrone caldo ed il “nero” nella palette italiana sostituiscono un giallo oro ed un taupe metallizzato di quella originale); anche il packaging si differisce, visto che la palette italiana è completamente nera ed ha uno specchio full size al suo interno (un punto a suo favore quindi), mentre metà della parte superiore della palette americana è trasparente, dimezzando così anche le dimensioni dello specchio. Infine, il prezzo: se in America questo prodotto costa $ 15.00 (ovvero circa 13 euro) qui in Italia ne costa quasi 10 euro di più, il che la rende molto costosa per un prodotto da drugstore! il che potrebbe essere comunque un prezzo accettabile se la palette fosse di buona qualità, ed invece…andiamo alle mie considerazioni!


Premessa personale: odio il packaging! Anche se è molto piccola e compatta, è di una plastica molto leggera che temo possa rompersi facilmente se portata in borsa, oltre al fatto che il nero lucido la rende difficile da fotografare e rimangono tutte le ditate sopra, il che la rende veramente poco piacevole alla vista. Ma quello che ci interessa è al suo interno, quindi sorvoliamo sull’involucro esterno e concentriamoci sul prodotto in sé!

La Palette Nude contiene 10 ombretti, di cui uno satinato, quattro shimmer e cinque matte. La selezione dei colori non è affatto male – sia per la diversità delle finiture che per il mix di tonalità calde e fredde, chiare e scure – che la rendono sicuramente molto versatile, sia per le carnagioni più pallide che per quelle più mediterranee, ed è adatta a creare look sia per la sera che per il giorno. Al suo interno troviamo un pennellino con doppio applicatore, uno in setole naturali ed uno a spugnetta: il brush vero e proprio è piccolissimo e applicando gli ombretti rischiate una nevrosi, però lo trovo utile per applicare il prodotto nell’angolo interno dell’occhio o sulla rima cigliare inferiore (io lo utilizzo soltanto per quest’ultimo scopo), mentre l’applicatore a spugnetta è simile a tutti gli altri presenti nelle varie palette da supermercato, e sinceramente non capisco perché le aziende si ostinino ad inserirlo. Mi viene immediatamente da pensare alla collega ben più famosa Naked di Urban Decay, che almeno vi esce un bel pennello decente con doppio manico e realmente utilizzabile!


Gli ombretti sono morbidi e sfumabilissimi, forse anche troppo. La loro consistenza setosa porta a due grandi problemi secondo me: il primo è che sono molto, molto polverosi ed è facile fare un pastrocchio quando si utilizzano; il secondo è che, una volta sfumati, i matte presenti all’interno diventano tutti molto simili - nonostante nelle cialde siano ben diversi – e quasi indistinguibili.
Il fatto che siano così morbidi e poco omogenei li rende poco pieni se utilizzati come colore sulla palpebra, e trovo siano indicati solo come colore da sfumatura o di transizione - il che mi potrebbe anche andar bene se ce ne fossero 3 (un marrone caldo, uno freddo ed un tortora) e le altre nuance fossero belle intense e pigmentate: invece i matte sono ben 5, e degli altri colori il primo (un bianco satinato) ed il quinto (un giallo paglierino shimmer) si vedono poco e niente, addirittura come potete vedere dalle foto il bianco non si vede nemmeno! Gli unici tre colori che realmente mi piacciono di questa palette sono il secondo, il quarto e l’ottavo, che sono tre bei shimmer piuttosto scriventi e luminosi, mentre gli altri – compreso il nero, che si avvicina più ad un grigio fumo di Londra – rendono davvero poco una volta applicati .

Trovo che la versione originale –almeno dagli swatch visti online e nei video – sia molto più pigmentata: ho sentito alcune Youtbers e bloggers americane lodare le cialde matte e meno quelle shimmer, mentre nella versione italiana direi che è l’esatto contrario: i colori metallici sono scriventi, luminosi e con una buona pigmentazione, mentre quelli opachi sono duri, poco uniformi e poco pigmentati, e si perdono quasi quando vengono applicati sulla palpebra.
L’unico punto a favore di questa palette è la durata, perché devo dire che gli ombretti rimangono come appena applicati per tutto il giorno, ed è un vero peccato che con una formulazione così a lunga tenuta il payoff sia così scarso.

In generale, trovo che sia una palette che abbia una sua fetta di mercato ed io sto cercando di utilizzarla comunque per creare trucchi molto leggeri per quando vado a lavoro, ma sinceramente non riscontra appieno il mio gusto e ha deluso parecchio le aspettative, infatti sono contento di non aver preso anche la 2 con le tonalità dei rosa e dei prugna! E’ vero, costa la metà della Naked palette di Urban Decay, ma trovo che anche la qualità valga la metà; fosse stato più basso il prezzo, avrei potuto consigliarvela, ma credo ci siano palette nude simili migliori per lo stesso prezzo se non addirittura più economiche: vi consiglio di dare un’occhiata ad esempio alla In the buff di W7 nel colore Lightly Toasted ($ 12, circa 10 euro), la Undressed di MUA (£4), la Iconic di Makeup Revolution (£4) o la Revealed di Costal Scents, che contiene il doppio dei colori allo stesso prezzo di quella di L’Oréal.  

Queste erano le mie impressioni di questa palette; mi dispiace bocciarla perché adoro L’Oréal e mi trovo molto bene con i loro prodotti, ma secondo me questo prodotto non è all’altezza degli standard del brand. Vi lascio alle foto degli swatches e aspetto come sempre i vostri commenti! Fatemi sapere cosa ne pensate e se avete già acquistato questa palette, o se avete intenzione di farlo!

Vi mando un bacio e vi aspetto sempre qui su The Ladyboy!

Enrie 














9 commenti:

  1. che carina questa palette!

    http://www.thefashionprincess.it

    RispondiElimina
  2. Mi piace questa palette perche ha colori molyo basici e neutri che stanno bene presi singolarmente o mixati.
    Un bacio splendore

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
  3. Bellissima! I colori sono davvero fantastici!
    Lidia

    www.lidiasbag.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Ecco e io mi fido della tua opinione, già il fatto che si sbavino ...uuuu per carità!
    bacioni
    www.theladycracy.it

    RispondiElimina
  5. Hai fatto una recensione minuziosa e per tanto ascolterò il tuoi consiglio
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. Ero molto curiosa su questa palettina e la tua dettagliata review arriva a proposito... a questo punto opterò per un altro marchio!!!! Grazie!
    Un bacio

    TruccatiConEva

    RispondiElimina
  7. Fantastica questa palette, sfumature meravigliose!

    XOXO,
    Eleonora
    www.it-girl.it

    RispondiElimina
  8. Nice review! ♥

    http://pedisource.com

    RispondiElimina