domenica 8 marzo 2015

NEW TALENTS: INTERVIEW WITH DAIZY SHELY


INTERVIEW: DAIZY SHELY

(ENG)

Hello gorgeous, and happy March 8th! 

Since today it's the International Women's Day I was thinking about how to celebrate this occasion with you, and I decided that the best way to do it was by interviewing a great woman, a strong, brave one that could be an inspiration and example for all of us. That kind of enterprising and independent woman who's bound to her past but still projected into the future; one of those women that I admire everyday, and that I want to celebrate today here on my blog.

The choice fell on Daizy Shely, one of the new fashion talents that are all the rage around the world with her eclectic and powerful clothing. Daizy - born in Israel - moved to Milan in 2009, and last year she has won the contest created by AltaRoma in collaboration with Vogue Italia "Who is on next?", where I met her. 

Daizy's woman is bold and fierce like her collections are: leather and feathers are mixed with sequins and organza in an unique blend of strength and delicacy; feminine lines share room with masculine cuts and tailoring, and digital techniques are used together with handrawing to create unusual contrasts - like the digital roses overlapped to the handpainted ones - in a magical universe where the traditions of the past such as wool and tartan conciliate with more modern materials such as lurex and PVC.

The thing that I admire in her - and I think it is also what makes her honor and has brought her the deserved success she has now - it's the heart and courage to dare: in a time of crisis - where everyone is trying to be more conservative and produce things that will sell without problems - Daizy was not afraid to offer something new, colorful, theatrical, extravagant, but that was still in line with her own person and her vision. This rock princess has given back to fashion its magic: to make those who see it and wear it dream.

Ladies and gentlemen - and all that's in between - let me introduce you Daizy Shely


Daizy, born and raised in Tel Aviv, how did your Israeli roots influence you as a person and as an artist?

I grew in Israel and this part of my life influenced a lot of who I am today as a person and of course of who I am as an artist. In my work I always put personal stories, past experience sand my love for my home. I think that the place you grow up into always shapes you to be the person you are today. 

In 2009 you moved to Milan, where you attended the Fashion Design carreer at Istituto Marangoni. How come you decided to come to Italy? 

I was always a fan of Italian fashion. I was very curious about this place, and I knew that for doing what I love I had to come here. It was a feeling I had, and I usually act by my instincts. 

Which were your expectations when you moved to this country? Did they happen? 

Of couse when you arrive in a new place -no matter where - the change is not an easy thing: to start it all over again from zero, alone, without your family or your best friends to support you could be very difficult at the beginning.
I remember days from the first year of school when I would go to room and cry for hours,because I felt like a complete stranger and the mentality of people was too cold for me. I still miss every day the warm wind of Israel, the colour of the sea near my family’s house, the feeling of home, the smell of it; but at the same time in Milan I have many other things I love, and the first is my Italian husband! Then there is my passion for art and fashion, and as I got to know Milan I have learnt to love this place. It's like a real relationship when one day you hate each other and the other day you are completely in love. 

Last year you have won the 10th edition of "Who is on next?", the AltaRoma contest dedicated to new talents. Would you tell us about this experience and how it changed your life? 

Daizy Shely winning "Who is on next?" in 2014
Wining "Who is on next?" was like a dream come true. Knowing that you were chosen by people you admire among so many designer was the best thing in the world! I feel very grateful for this opportunity! It was a big step from many steps I had and will have in my life, but to be honest this step was more like a big jump: it has opend me many doors in my early carreeer and gave me lots of visibility in Italy.

From dreaming to be a fashion designer to be one of the most quoted names our times, with press and windows dedicated to your work: what's the difference bewtween the dream and the reality? 

The fashion world is split in two parts: Art and Commercial. If you want to survive, you must know how to compromise. On the other hand, if you want to be in the list of one of the hottest names you must always reinvent yourself and keep on your high standards. I believe in the end its all a matter of balance.  

From your first collection to date, I reckon there are two constant elements in your production: a slight dark vein and some references to the world of childhood, imagination, dreams - like the figures of witches set against pink skies of the SS14 collection. Your vision seems always to be based on contrasts, even in the choice of materials and colors: you yourself have stated that the colors that best represent you are black and white. How much of this antithesis of the brand Daizy Shely is linked to Daizy Shely the woman?

When I design, I usually put all of myself inside my collection: what I love, what I hate, my good experiences and even the difficult ones. I think that there is a big beauty about mixing contrasts together, it makes everything more intersting: perfection is so boring! Sometimes it's easier not to do a personal collection, but I always find that beauty relies in the story behind things.

Daizy Shely FW15-16
You have said that you are not the kind of designer who defines her collections for only one type of woman, but your clothes spring from emotions and feelings. What kind of emotions reconnects to your latest Fall/Winter 2015-16 collection?

The FW15-16 is a personal collection, whereIi put some details and stories from my home and from my past experiences, my favorite colors and agin my big love for contrast - like the military details on feminine dress. This mix is like the life in Israel, where the military service is part of girs' dailyl ife.

This collection was born from a traumatic event, the departure of your grandmother - who I have read was also your style icon . In what way her figure has influenced you and your vision ?

My grandma was a simple women: she came from a war and she has never been interested a lot in fashion, but at the same time she was the most beautiful woman I ever met, so strong and elegant. She inspires me a lot, especially her spirit and her power. There was something in her charm that could attract every person who met her. 

Who are the people that have mostly followed you on this path and what would you want to tell them?

I am very lucky woman because I have so many people that believe in me.
My family and my husband give me all the support in the world and without them I would have never come where I am today. They are my power and I'm so tankful to them! And there is also my very small team at work, that believe in me from the very first moment: their support is priceless!

Daizy, we are coming to the end of the interview. I bet everyone wants to know some of your future plans if you could reveal us something...

I am someone who doesn't like to speak about what she'll do, I like to do it!! 
I can only promise that I'll keep on working hard and I will give you more of my personal world to taste. 

Well, I really can't wait to see waht you'll show us next! Before leaving, since today it's the International Women's Day I'd like to ask if you have a message to send to to all women out there. 

Dress what you feel. You are all beautiful, each one in her way. Don't try to be someone else, don't try to follow the trends or some rules, create your own. And remember to always follow your biggest dream - I believe that nothing is impossible! 


(ITA)

Buongiorno a buon 8 Marzo!

Essendo oggi la Festa della Donna, stavo pensando a come festeggiare con voi questa occasione, e ho deciso che il modo migliore di farlo fosse intervistando una grande donna, una donna forte, coraggiosa, che potesse essere di ispirazione ed esempio. Quel tipo di donna intraprendente ed indipendente, legata al proprio passato ma proiettata verso il futuro; una di quelle donne che ammiro tutti i giorni, e che voglio celebrare oggi.

La scelta è ricaduta su Daizy Shely, uno dei nuovi talenti della moda che sta facendo furore in tutto il mondo con i suoi capi eclettici e potenti. Daizy – di origini israeliane - si è trasferita nel 2009 a Milano, e l’anno scorso ha vinto il premio “Who is on next?” di AltaRoma in collaborazione con Vogue . La sua è una donna audace, grintosa, come le sue collezioni: pelle e piume si mischiano a paillettes e organza, in un mix unico di forze e delicatezza; linee femminili che si contendono lo spazio con tagli maschili e sartoriali, una particolare e sapiente miscela di tecniche digitali e disegni manuali che creano inusuali contrasti di rose disegnate al computer a quelle dipinte a mano, in un universo magico dove le tradizioni del passato come lana e il tartan si conciliano con materiali più moderni come il lurex e il pvc.

La cosa che più ammiro di lei, e credo sia anche quello che le renda più onore e le abbia portato il meritatissimo successo che ha ora, è il coraggio di osare: in un momento storico di crisi - in cui tutti cercano di essere più conservativi e produrre cose che si venderanno senza problemi - lei non hai avuto paura di osare, proporre qualcosa di insolito, colorato, teatrale, stravagante, che fosse però in linea con la sua persona e la sua visione. Questa principessina rock ha restituito alla moda la sua magia: quella di far sognare chi la guarda e chi la indossa.

Vi lascio con la mia intervista e Daizy Shely e auguro a tute voi che mi leggete una buona Domenica e una splendida Festa delle Donne. 
Quelle con la D maiuscola. 
Come Daizy.

Nata e cresciuta a Tel Aviv: in che modo le tue radici israeliane ti hanno influenzato come persona e come artista?

Sono cresciuta in Israele, e questa parte della mia vita influenza moltissimo la persona che sono oggi, in primis come individuo ed ovviamente anche come artista.Nel mio lavoro sono sempre presenti le mie esperienze personali e l'amore per la mia città natale: penso che, in generale, il luogo in cui nasci sia plasmante per quello che sarai nella tua vita.

Nel 2009 ti sei trasferita a Milano, dove hai seguito il corso di Fashion Design presso l’istituto Marangoni. Come mai la scelta di trasferirti in Italia? 

Sono sempre stata un'ammiratrice della moda italiana, è stato come se fossi da sempre consapevole che per realizzare quello che avevo in testa sarei dovuta venire in questo paese. Il mio trasferimento è stato quindi figlio di un sesto senso, di un destino - ed io nella vita tendo a seguire il mio istinto.

Quali erano le tue aspettative quando ti sei trasferita in questo paese? Si sono realizzate?

I cambiamenti che provengono da un trasferimento non sono mai semplici, questo a prescindere dal luogo di origine o dal luogo in cui andrai.
Cominciare da zero, sola, lontana da famiglia e amici può essere inizialmente destabilizzante... ricordo che i primi giorni a Milano piangevo spesso perché mi sentivo completamente estranea a questa città e le persone mi sembravano molto fredde.Ogni giorno sento la mancanza del vento caldo che soffia in Israele, del colore del mare che vedo quando sono a casa dalla mia famiglia, mi mancano la sensazione di essere a casa e l'odore dei miei luoghi. Allo stesso tempo, però, a Milano ho trovato centinaia di cose da amare e la prima è mio marito che è italiano, ed anche la possibilità di sviluppare il mio interesse per l'arte e la Moda.

In generale ci è voluto tempo per imparare ad amare Milano, ed è per questo che il sentimento ed il legame che mi lega a questa città è oggi vero e profondo. 

L’anno scorso hai vinto la decima edizione di “Who is on next?”, il premio di AltaRoma dedicata ai giovani talenti. Raccontaci di questa esperienza e cosa ti ricordi di quei momenti.

La vittoria di “Who is on next?” è stata un sogno. La sensazione che ho provato quando ho capito di essere stata scelta da persone che ammiravo da sempre è stata impagabile e sarà indimenticabile. Sono davvero riconoscente per questo. Potrei dire che è stato un passo avanti, ma più che un passo mi rendo conto che è più indicato dire un salto in avanti, una grande accelerazione. Mi ha aperto molte porte e mi ha dato molta visibilità nonostante io sia solo all'inizio.

Dal sognare di essere una stilista ad essere uno dei nomi più citati negli ultimi tempi, con stampa e vetrine dedicate in tuo onore: che differenza c’è tra il sogno e la realtà?

Nella moda come designer devi imparare a bilanciare la tua parte artistica con la parte più leggibile e commerciale; allo stesso tempo, però, per mantenere alto lo standard stilistico e continuare ad essere considerato un nome interessante del panorama moda devi reinventarti ciclicamente e creare interesse intorno alla tua proposta.

Dalla tua prima collezione ad oggi, noto due elementi costanti nella tua produzione: una sottile vena dark e alcuni richiami al mondo dell’infanzia, dell’immaginazione, dei sogni, come le figure di streghe che si stagliano su cieli rosa della collezione PE14. Una visione fatta di contrasti, anche nella scelta dei materiali e dei colori: tu stessa hai affermato che i colori che ti rappresentano meglio sono il bianco e nero. Quanto di questa antitesi del brand Daizy Shely si ricollega a Daizy Shely la donna?

Quando disegno, tutto di me entra nella collezione: quello che amo, quello che odio, esperienze buone e esperienze cattive. Da questo nascono i contrasti che sono l'elemento distintivo della mia creatività, ciò che penso crei interesse: personalmente, considero la perfezione estremamente noiosa.

Hai affermato che non sei il tipo di stilista che definisce le sue collezioni per una sola tipologia di donna, ma che i tuoi abiti scaturiscono da emozioni e sensazioni. A quali emozioni si ricollega la tua ultima collezione Fall/Winter 2015-16? 

La collezione per il prossimo inverno è estremamente personale, ci ho nascosto dentro molti elementi e dettagli del mio passato. Ho inserito il mio amore per i colori e, come ,sempre la ricerca dei contrasti, come i severi dettagli militari su abiti femminili e delicati: questa combinazione proviene dalla mia vita in Israele, dove il servizio militare entra nella quotidianità delle ragazze.

L’ultima collezione è nata da un evento traumatico, la dipartita di tua nonna, che ho letto sia anche stata la tua icona di stile. In che maniera la sua figura ha influito su di te e sulla tua visione?

Mia nonna era una donna semplice, ha fatto la guerra e non si è mai interessata alla moda; allo stesso tempo è la donna più bella, forte ed elegante che io abbia mai conosciuto. Il suo spirito e il potere che emanava mi ispirano moltissimo; aveva un fascino particolare che attraeva chiunque la incontrasse.

Chi sono le persone che maggiormente ti hanno seguita in questo percorso per realizzar i tuoi sogni? Cosa vorresti dirgli? 

Mi considero una donna molto fortunata perché sono circondata da molte persone che credono in me. La mia famiglia e mio marito mi danno tutto il supporto che necessito e senza di loro non sarei mai arrivata qui: sono loro la mia energia, e la mia riconoscenza è infinita. Inoltre c'è il mio team di lavoro che è piccolo, ma compatto. Persone che credono in me dall'inizio del progetto. Il loro supporto è impagabile.

Ci avviciniamo alla fine dell'intervista, e scommetto che tutti vogliono conoscere i tuoi progetti futuri. Puoi già svelarci qualcosa? 

Sono una persona che non ama parlare di ciò che farà, io amo fare! Posso solo promettere che continuerò a lavorare intensamente e che continuerò a far conoscere il mio mondo attraverso le mie collezioni.

Daizy, grazie del tempo che mi hai dedicato, e non vedo l'ora di vedere cosa ci riserverai in futuro! Prima di lasciarti, vorrei chiederti se hai un ultimo messaggio da lanciare a tutte le donne in onore della loro festa.


Vestitevi come vi sentite. Siete tutte meravigliose, ognuna a suo modo. Non cercate di essere qualcun altro, non cercate di seguire i trend o le regole, ma create voi le vostre! Ed inseguite sempre i vostri sogni, perché niente è impossibile!


You can follow Daizy on her official Facebook page or visit her website www.daizyshely.com. 

And don't forget to check out my socials FacebookTwitter, Instagram, Tumblr and Pinterest for more beauty to come! 

24 commenti:

  1. She's fantastic!

    Federica
    http://www.thecutielicious.com
    The Cutielicious

    RispondiElimina
  2. Non la conoscevo e ti ringrazio per avermela fatta scoprire: creazioni stupende, rappresentano molto il mio stile perche sono estremamente femminili.
    Tra l altro bello scoprire leggendo la sua storia che anche lei come me ha fatto la Marangoni ( corsi diversi però)
    Bacio
    NEW POST

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dania, mi fa piacere averti fatto scoprire questo enorme talento! L'ho conosciuta l'estate scorsa ad AltaRoma e mi ha subito conquistato con le sue creazioni! Credo proprio che farà parecchia strada e ne vedremo delle belle ;)

      Elimina
  3. Sembra una ragazza molto in gamba, mi è piaciuta molto la sua collezione! :)
    Baci!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. You have such a nice blog! Keep up a good work! <3

    Maybe you want to follow each other?
    Let me know on my blog & I'll follow back right away.
    x
    http://www.spaventaremoda.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thnaks Eva! I'll definitely be checkng your socials!

      Elimina
  5. adorabile!!!
    Do you want to follow each other on instagram? I'm @chicstreetchoc! Thank uuu
    FOLLOW ME ON FACEBOOK
    CHIC STREET CHOC

    RispondiElimina
  6. Molto brava, mi è piaciuta tantissimo!
    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Kiss

    RispondiElimina
  7. Anche noi non conoscevamo questo nuovo talento...mannaggia al lavoro, siamo sempre lontane dalle sfilate. Israele dicono sia un paese a dir poco meraviglioso. Chiaro che lei all'inizio si sia trovata un po' "persa" nella grigia Milano, che però molto può offrire.. e lei ne è l'esempio concreto. Bellissimo articolo Enrie. Come sempre ti distingui.
    Un abbraccio
    Valentina Astorino e Eva Sabin The AnarChic

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazze, grazie di aver trovato il tempo di passare per un saluto! Sono contento di aver fatto conoscere un po' meglio questa giovane artista che secondo me merita davvero tanto! Vi abbraccio!

      Elimina
  8. bellissima intervista e foto stupende. ciao gloria
    www.gloriadressup.com

    RispondiElimina
  9. bella questa intervista!

    www.borsadimarypoppins.com

    RispondiElimina
  10. Questa intervista Enrie è proprio ben fatta: sono stati toccati tutti i lati della giovane stilista, che è talentuosa e non ha nulla da invidiare ai grandi marchi (e credo crei anche cose più belle e particolari). Auguri!

    RispondiElimina
  11. Non la conoscevo. Mi piacciono moltissimo le sue creazioni, ma mi piace tanto anche lei. Troppo stylosa!
    Valentina
    http://www.mybubblyzone.com/

    RispondiElimina
  12. Enrie, inanzi tutto complimenti per questo post e l'intervista a Daizy! Sei speciale, lo sai?
    Per quanto riguarda Daisy è bellissimo poter scoprire nuovi stilisti, tra l'altro con un grande talento. I suoi capi mi sembrano straordinari e molto femminili. Mi piace il fatto che non si focalizza su un solo tipo di donna, ma su tutte, perché ognuna di noi è diversa, speciale. Mi piace quando parla di sua nonna e del suo paese e le difficoltà iniziali.
    Penso anche io che farà tanta strada, brava davvero.
    Stupenda l'ultima frase del post. Complimenti ancora e un bacio grande,
    Eni

    Eniwhere Fashion
    Eniwhere Fashion Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eni, mi è piaciuto molto fare questa intervista e poi rileggerla, sono contento che certi concetti e certi argomenti siano arrivati forti e chiari così come li ho percepiti io! :*

      Elimina
  13. Enrie complimenti per questa meravigliosa intervista!!! Ma sei madrelingua Inglese? Non sapevo che Daizy avesse trovato l'amore in Italia - scusa sono una romanticona. Sembra un tipino assai determinato, con le idee chiare ma si affida anche all'istinto. Grazie Enrie per aver dato il tuo contributo nel mio post su come realizzare un selfie perfetto, lo apprezzo molto. Buon weekend!
    Baci,
    Coco et La vie en rose - Valeria Arizzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale! Sono madrelingua italiano, mi sarebbe piaciuto nascere bilingue ma purtroppo non ho avuto questa fortuna, e quindi ho dovuto "supplire" a questa mancanca laureandomi in Lingue ahahah :D Grazie a te per essere passata, i tuoi post mi piacciono molto e li leggo sempre volentieri! Un bacino e buonanotte!

      Elimina
  14. Enrie mi hai fatto morire! "Anche se da me NON c'è un nuovo outfit" Ti adorooooo

    RispondiElimina