giovedì 5 febbraio 2015

TO BUY OR NOT TO BUY: JANUARY 2014


TO BUY OR NOT TO BUY: JANUARY 2014

Hello beautiful people! 

Queste ultime settimane per me sono state molto belle ed intense: mia cugina Chiara è venuta dall’Inghilterra per il suo compleanno e ho cercato di passare quanto più tempo possibile con lei visto che non ci vediamo mai, e in più Sabato ho lavorato ad una serata organizzata da Firework Salerno dedicata alla moda dove sono stata madrina della serata (e mi hanno fatto sfilare in mezzo al fuoco con una corona pirotecnica, che paura!!! potete vedere qui il video e le foto sulla mia pagina ufficiale di Facebook!)

Insomma, questo Febbraio è cominciato in maniera scintillante in tutti i sensi, ma finalmente oggi ho la giornata libera e riesco a pubblicare il post sui miei prodotti preferiti (e non) di Gennaio! 
Adoro scrivere e leggere questi post, perché mi permettono di parlare di più prodotti insieme e non di uno solo come accade nelle review! Fatemi sapere se anche a voi piacciono, o se preferireste un’altra tipologia di articolo per quanto riguarda i prodotti di bellezza!

Comincio subito a parlarvi con un siero che mi ha fatto letteralmente innamorare, e che vi avevo già fatto vedere su Instagram: si tratta del Siero Viso Purificante di Biofficina Toscana, brand che mi ha sempre incuriosito e che finalmente sono riuscito a trovare in una bioprofumeria che ha aperto da poco qui a Salerno. Come suggerisce il nome, si tratta di un siero che contiene olii essenziali di rosmarino e limone, ed ha un effetto lenitivo, astringente e opacizzante sul viso, ideale per pelli acneiche, impure e lucide. Inoltre, ha proprietà igienizzati, cicatrizzanti e rigeneranti, e riduce le imperfezioni come comedoni e microcisiti.

Che dire? Un prodotto che finalmente fa quello che dovrebbe fare! Mi ci trovo benissimo, lo uso mattina e sera e ho notato un netto miglioramento della mia pelle nel complesso, che è più liscia, luminosa ed uniforme, e ho riscontrato anche che una microcisti che ho sul viso è rientrata notevolmente grazie all’utilizzo di questo siero! Inoltre, è pieno di ingredienti buoni – oltre agli olii essenziali c’è un princio attivo derivato dal lentisco che si chiama PoreAway – ed è privo di alcool e 100% vegano, quindi ideale per chi di voi sta attento all’inci. L’unica cosa che non amo di questo prodotto è la consistenza, che si secca MOLTO in fretta e a volte non faccio in tempo a massaggiarlo sul viso che si è asciugato; al di là di questo piccolo particolare lo amo, e lo trovo perfetto anche come base trucco proprio perché lascia la pelle molto liscia.

Non lo consiglierei mai a un pelle secca, e anche chi ha una pelle normale potrebbe sentire l’esigenza di idratare subito dopo perché ha un effetto “tirante”, però devo dire che lenisce e sfiamma bene le zone irritate (a volte se mi esce un brufoletto ne metto una goccia sul polpastrello e lo picchietto solo nella zona interessata). La mia pelle ultimamente sta migliorando tantissimo, e sono convinto che sia anche grazie a questo prodotto. Penso che presto prenderò anche il Siero Rigenerante perché lo vorrei provare, anzi, se qualcuno di voi ha già esperienza con questo prodotto e può darmi il suo parere mi farebbe piacere sapere cosa ne pensate! Il prezzo è di circa 13 euro in bioprofumeria o sul sito di Biofficina Toscana o altri siti di shop bio come ad esempio EccoVerde. Ve lo straconsiglio! 



Sempre di Biofficina Toscana ho preso anche il Balsamo Concentrato Attivo all’olio di oliva e proteine del fagiolo bacello perché su Internet non leggevo altro di quanto fosse straordinario, magnifico, il balsamo dei balsami. 
Ammetto che non sono un esperto di balsami, perché ho sempre portato i capelli corti e non ho mai sentito l’esigenza di utilizzarlo; adesso però che sto provando a farmeli crescere noto che mi escono i nodi, e quindi ho voluto comprare questo prodotto per vedere come si comportava.

Si tratta di un balsamo molto denso, quasi un burro e altrettanto nutriente, tanto che per me supplisce quasi alla maschera per capelli (nel senso che dopo non sento l’esigenza di utilizzarla!). Lo uso a fasi alterne, sostituendolo con una maschera per capelli una volta a settimana, perché i miei capelli sono anarchici – troppi, doppi, grassi e mossi – e lo trovo un po’ troppo pesante per il mio tipo di capello, ma anche questo prodotto fa quello che promette: districante è districante, lo si sente già mentre lo massaggiate sui capelli che i nodi si sciolgono IMMEDIATAMENTE (davvero, non so come faccia!) e non rende i capelli stopposi come altri prodotti ecobio che ho provato, anzi, i capelli sono mrorbidi, nutriti e setosi. Anche questo prodotto è completamente vegano, privo di parabeni, petrolati, coloranti, siliconi e via dicendo ed ha un leggero profumo di salvia e limone che a me non dispiace. Il prezzo è di circa 10 euro per 200 ml di prodotto, e considerando che ne basta una piccola quantità credo che l’utilizzo ammortizzi il prezzo un po’ altino per un balsamo (soprattutto considerando che è ecobio e non contiene schifezze). 
Ci tengo a precisare che Biofficina Toscana non mi paga per tessere le sue lodi (non mi dispiacerebbe, ma non è così) però trovo davvero sia un ottimo marchio di prodotti ecobio e sicuramente proverò altre cosine, anzi, aspetto i vostri consigli su cosa acquistare prossimamente!


Parliamo della mia ossessione, ovvero i mascara! Finalmente ne ho trovato uno che posso sinceramente dire di venerare e non credo che cambierò mai più in vita mia (almeno finché non lo discontinue ranno): si tratta dell’I Love Extreme di Essence nella versione Crazy Volume con la confezione rosa.
Avevo già provato l’I Love Extreme nella formula classica, quella col tubetto nero, e sì, mi piaciucchiava, ma niente di che. Il nuovo ILE invece mi ha conquistato: fa davvero le ciglia da bambola, esagerate, estreme, come se aveste ciglia finte. E’ di un nero intenso, ha una formula leggermente pastosa e un po’ secca che “incolla” le ciglia, ma non fa assolutamente grumi, non cola e dura tutto il giorno. Non è waterproof, ma sinceramente non ne ho bisogno, e comunque ha un’ottima longevità di per sé. Credo nessun altro mascara dia questo effetto, e lo sto consigliando a tutte le mie amiche! 
Ah, dimenticavo la parte migliore: costa meno di 4 euro, e lo potete trovare in tutti i punti vendita OVS e CoinDa provare assolutamente!


Iniziamo con i prodotti flop di questo mese, una nota dolente, dolentissima, perché avevo così alte aspettative su questo prodotto e perché L’Oreal è uno dei miei brand preferiti in assoluto (uso la loro crema viso, l’acqua micellare, gli shampoo i trucchi e non ho mai avuto problemi). Purtroppo però, e consentitemelo dire, il loro fondotinta Accord Parfait è una vera schifezza, ed una delle più grandi delusioni degli ultimi mesi. L’ho comprato perché in teoria dovrebbe essere il dope del tanto celebrato True Match americano, che tutte le beauty blogger declamano.
Comincio col dire che per me, a quanto pare, non c’è un accord parfait, nel senso che il mio numero (N°3 Beige Crème) è leggermentet roppo chiaro e mi dà un’aria un po’ sbattuta che devo contrastare a suon di terra, correttore e blush per rimediare. Il vero problema è che questo fondotinta NON è non comedogenico, e mi ha causato uno sfogo orribile sulla pelle: brufoli, punti neri, addirittura microcisti. Un vero inferno! 
So che è stato lui perché non ho cambiato altro nella mia routine, e infatti ho smesso di usarlo e adesso la mia pelle sta tornando alla normalità, ma vi giuro che mi ha reso la pelle disastrata.
Oltre a quanto menzionato sopra,che potrebbe trattarsi di un caso isolato, come fondotinta in sé lo trovo poco coprente, non mi piace particolarmente il risultato che dà sulla pelle, ha un cattivo odore e inoltre trovo che tenda a lucidarsi MOLTO in fretta, infatti ho la necessità di incipriarlo già dopo due ore (in inverno!) e a fine giornata non ho quasi più prodotto sul viso. 
Io credo non sia l’esatto dope del True Match, altrimenti davvero non mi spiego tanto rumore per nulla. Per me è uno dei peggiori fondotinta che abbia mai provato, e per questo non ve lo consiglio per niente!


Altro prodotto deludente, questa volta per capelli, è il John Frieda Frizz Ease extra strenght. Ho sentito sempre parlare bene di questo siero per capelli nella sua formula originale, e visto che ultimamente i miei capelli tendevano ad incresparsi con frequenza (grazie, umidità del 100%!) ho deciso di acquistarlo. Quando sono in cassa da Sephora, la commesa mi fa “Perché non provi la versione extra forte? E’ nuova!” e io, come un ebete, accetto.
Partiamo dal presupposto che a me John Frieda piace molto per i capelli, ma questo siero non ha fatto assolutamente niente: è vero, controlla un minimo l’increspamento (anche se non completamente) ma lo fa perché rende i capelli molto oleosi e grassi come se fossero sporchi di 3 giorni. Non dà una luminosità effetto gloss, ma proprio un effetto “inzevato” come diremmo noi qui al Sud (cioè effetto olio di patatine fritte del Mc Donald’s dopo due giorni nella friggitrice). I capelli risultano spenti e grassi come se si fosse usato una boccetta di cristalli liquidi scadenti, e in effetti credo che si tratti di siliconi puri che si limitano a stare sulla superficie del capello senza penetrare e quindi non dando assolutamente alcun beneficio alla chioma. 
L’unico aspetto per cui lo trovo positivo è che aiuta la piega a tenersi meglio, ed infatti ormai lo uso sui capelli asciutti prima di piastrarli ma NON essendo termo-protettore il suo posto nel mondo è un po’ inutile. 
Credo che proverò la formula originale, perché è termo-protettrice (e quindi mal che vada posso utilizzarlo così) e mi piace molto il packaging con pompetta, che trovo lo trovo comodo. Non ricordo esattamente quanto l’ho pagato, credo sui 9 euro, ma sinceramente non lo ricomprerei mai. Ieri invece ho provato Chiome Tempestose di Lush di cui le ragazze del punto vendita di Salerno mi avevano lasciato un campioncino, e mi è sembrato molto più efficiente di questo, oltre ad avere un ottimo profumo. Lo proverò un altro paio di volte così saprò dirvi se è una valida alternativa per chi ha capelli crespi!


Parlando di Lush, il mio prodotto preferito in assoluto degli ultimi tempi è Let The Good Times Roll/ Maisenza, e per questo non smetterò mai di ringraziare Vanitynerd che me l’ha fatto scoprire e a cui sarò debitore a vita (grazie Elena!). 
Si tratta di un leggerissimo scrub viso alla polenta (sì, alla polenta!) che a) ha un odore divino, dolcissimo, che me lo mangerei a morsi b) compie un’esfoliazione leggera sul viso, lasciando la pelle luminosa, levigata e morbida.
Piccola storia di cui non ve ne fregherà nulla: c’era un periodo in cui compravo praticamente tutto da Lush, ma per quanto mi sforzassi di credere che i loro prodotti fossero meravigliosi, in realtà per me facevano poco e niente, era una si quelle storie di amore non ricambiato e quindi con le lacrime in tasca non ci sono mai più entrato. Questo prodotto me ne ha fatto re-innamorare (magari, a distanza di 10 anni ho anche capito cosa è adatto a me e cosa no) e adesso ho paura di ricadere nel tunnel, infatti è già il secondo barattolino che compro! 
Vi dico la verità, io lo utilizzo soprattutto come scub prima della rasatura, e lo trovo fantastico perché da quando lo sto usando riesco ad ottenere una rasatura impeccabile e senza tagliarmi (di solito sembro Scarface!).
Il costo è di circa 9 euro, ed è certificato come prodotto vegano (contiene farina di mais, cannella, talco, gardenia) ed ha una scadenza di 3 mesi, ma io l’ho finito mooolto prima utilizzandolo a giorni alterni. Che ci posso fare? Lo amo!


Da una blogger che adoro a un’altra (NikkieTutorials), ho finalmente ceduto anch’io ed ho acquistato l’osannatissimo Paint Pot di MAC nel colore Soft Ochre. Si tratta di una base per ombretto in crema, di un colore neutro (un beige molto chiaro che va leggermente nel giallo) e si utilizza per far sì che il trucco aderisca meglio alla palpebra e duri tutto il giorno. Ciò che mi piace di questo prodotto è che altamente coprente ma al tempo stesso leggerissimo, quasi sembra di non avere niente sulla palpebra: basta appoggiare il polpastrello sulla superficie e sfumarlo (con estrema facilità) sulla palpebra per avere un colore pieno ed omogeneo.

Ho scelto questa tonalità neutra per utilizzarlo come primer occhi sotto qualsiasi tipo di trucco - infatti si sposa bene col mio colorito e conferisce la giusta dose di uniformità e luminosità allo sguardo che cerco anche per essere utilizzato da solo. Solitamente, se lo utilizzo per il giorno senza altri ombretti da sopra lo inciprio un po’ per far  che la polvere lo “fissi” sulla palpebra, mentre per il trucco sera ci applico gli ombretti sopra normalmente e devo dire che ha un’ottima tenuta, esaltando il colore delle polveri e mantenendole intatte e al loro posto per almeno 7 ore (io ho le palpebre molto oleose, e quindi per me questa è una man santa!).

Il costo è di 20,00 € per 5 gr di prodotto, e considerando che ne basta veramente pochissimo credo che questo jar mi durerà quasi un anno. 
Ve lo consiglio se avete bisogno di un buon primer occhi e al tempo stesso avete discromie sulla palpebra che volete coprire, ma al tempo stesso sono anche curioso di provare i paint pot colorati per vedere come si comportano e se posso essere utilizzati da soli come ombretti come i Color Tattoo di Maybelline.


Il prossimo prodotto di cui vi voglio parlare non è una nuova scoperta per me, ma visto che non ve ne ho mai parlato prima d’ora volevo farlo adesso. 
Si tratta del fondotinta minerale di Bare Minerals nella versione Matte, e lo uso da quando mi trasferii a Milano 4 anni fa, e continuo a comprarlo ogni volta che finisce.
Perché? Innanzitutto, perché un fondotinta minerale è la soluzione ideale quando si ha poca voglia di truccarsi, ha una copertura media ma decisamente modulabile e basta correggere le imperfezioni con il correttore, un velo di polvere minerale e si è pronti per la giornata! Inoltre, la sua polvere minerale “assorbe” gli oli e la lucidità del viso, con un effetto matte e naturale che dura tutto il giorno. All’inizio utilizzavo solo questo come fondotinta, applicandolo con un pennello Kabuki su tutto il viso, mentre adesso lo utilizzo come cipria minerale sopra il fondotinta liquido, o meglio, come terra visto che compro una colorazione leggermente più scura del mio incarnato (C30): questo prodotto mi permette di fare un contouring e riscaldare il viso con una facilità incredibile e in maniera naturale, senza dover temere effetto macchia e bruschi stacchi di colore. In estate, poi, diventa il colore perfetto per la mia carnagione, e lo utilizzo come fondo giornaliero perché non appesantisce il viso e mi aiuta giusto a dare un aspetto più sano alla pelle (e inoltra ha un fattore di protezione 15, che è sempre una buona cosa!).

Il prezzo è un po’ altino, circa 32 euro da Sephora, ma vi assicuro che vi durerà a lungo (un jar a me dura circa 7 mesi) quindi direi che è un investimento più che valido, soprattutto se cercate un fondo minerale buono e senza troppe schifezze siliconiche dentro. Questo è uno dei miei prodotti must di sempre, e quindi ve lo consiglio caldamente!



L’altro giorno ero da Wjcon (per interesse accademico, non per altro!) e ho visto che il correttore bianco Colour Corrector era in offerta a 4,90 €, così l’ho ricomprato visto che mi piace tantissimo e lo uso ogni volta che devo fare un trucco da gran sera e voglio dare maggiore volume agli zigomi!
Vi avevo già spiegato nel mio post sui miei correttoripreferiti per l’estate quanto adorassi correttore e come lo utilizzassi, perciò se vi interessa vi lascio il link al post qui.


Ultimo prodotto di cui voglio parlarvi è un prodotto che comprai tantissimo tempo fa, poiché sapevo che lo utilizzava la truccatrice delle star e mio mito personale Lisa Eldridge: si tratta del Sébium Pore Refiner di Bioderma, una crema concentrata che dovrebbe fungere come primer/base trucco lisciante e minimizzare i pori dilatati. Posso solo dire: MAH.
Allora… Bioderma a me sinceramente  non fa impazzire, anche l’acqua micellare ormai l’ho abbandonata a favore di quella di L’Oreal (che trovo superiore, e di cui vi ho parlato qui). Questa crema è molto seccante, in tutti i sensi. Quando la utilizzavo avevo una pelle mista tendente al grasso, e dopo l’utilizzo di Sébium diventava secchissima! Il trucco non rendeva affatto meglio, anzi, evidenziava tutte le zone secche. Una sera la utilizzai anche su mia sorella (che ha una pelle da normale a secca) perché la volevo truccare, e la poverina mi ha detto che praticamente il trucco se ne cadeva a pezzi  e si erano formate tutte le pellicine di pelle secca intorno al naso e sulla fronte! 
Ho smesso di utilizzarla, è rimasta nel cassetto per secoli e adesso la butterò con grande delusione perché costa la bellezza di 14 euro, ma prima di farlo volevo parlarvene perché magari vi interessava provarla e, se posso, vorrei consigliarvi di risparmiare i soldini e cercare altrove. Per me questo è un grande no!


Ok, anche per questo mese è tutto… spero come sempre che questo post vi sia stato utile e aspetto i vostri commenti sui prodotti che voi avete provato personalmente tra questi e se siete d’accordo o meno con le mie opinioni! E’ sempre bello confrontarsi, e può tornare utile a chi legge sentire altri pareri!

Vi ricordo inoltre che sono in lizza per diventare blogger ufficiale di Grazia.it, e quindi se vi va potete votarmi a questo link cliccando sul cuoricino! Siamo quasi a quota 300 in pochi giorni, e non so come ringraziarvi per tutto il vostro affetto e supporto! Spero di non deludervi!

A presto,


Enrie 

22 commenti:

  1. Sono davvero felice che Maisenza abbia fatto breccia nel tuo cuore :) anche io all'inizio compravo di tutto da Lush senza un grande criterio, ora invece riesco a fiutare cosa può fare per me (soprattutto cose profumose per il bagno!).
    Mi incuriosisce quel correttore Wjcon, farò un giro la prossima volta per dargli un'occhiata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il correttore Wjcon te lo consiglio se hai bisogno di illuminare alcuni punti, in quanto non si stende bianco opaco ma rimane trasparente, io lo uso sotto l'illuminante e mi ci trovo benissimo! Per quanto riguarda Lush, da quando mi hai fatto scoprire Maisenza ogni tanto mi ritrovo a girovagare nella bottega e sto trovando tanti altri prodotti che mi piacciono, e di cui presto parlerò sul blog (intanto ti dico che la maschera fresca per il viso "Marinella" è davvero super!) :)

      Elimina
  2. Ciao Enrie
    il paint pot lo voglio da una vita così come anche il fondo matte
    le tue recensioni sono sempre impeccabili
    un bacino
    http://tr3ndygirl.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pamela, sei gentilissima! Ho trovato un fondo matte che sto a dir poco venerando, e che vi presenterò presto qui sul blog perché davvero è ottimo e costa pochissimo! Continua a seguirmi! :)

      Elimina
  3. devo necessariamente avere il paint pot pure io! adoro questo post! passa da me se ti va :)

    http://trasenesci.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Accord perfect l ho provato snch io e confermo la tua delusione, veramente pessimo..
    Mi ricordo quando su Facebook cercavi il fondotinta perfetto :-)
    Bacino

    NEW POST

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahh non farmi dire niente ma...forse forse l'ho trovato! *_* Ne parlerò sicuramente presto sul blog perché credo sia proprio lui quello giusto! :D

      Elimina
  5. Ciao Enrie, non conoscevamo Bioofficina Toscana.. appena ne parlerò a Valentina.. lei è fissata con l'ecobio! Mi impedisce di farmi la doccia con i petrolati... ma io AMO la roba chimica! è una storia triste...... se vuoi un fondotinta ecobio non comedogenico e che, stranomavero, ha anche una buona copertura, ti consiglio il fondotinta del Dr. Hauschka. Costa un pochino ma dura una vita. è fluido, si stende a meraviglia e fa benissimo alla pelle.
    Un abbraccio
    Valentina Astorino e Eva Sabin The AnarChic

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eva, non conoscevo questo fondo! In realtà mi hanno consigliato anche di provare il Flat Perfection di Neve Cosmetics ma - inveritàvidico - ho trovato un fondo che sto amando e non è comedogenico (e costa circa 10 euro)! In realtà io non sono fissato con l'ecobio, anzi, ho provato parecchi prodotti in passato che mi hanno deluso, ma ultimamente - anche grazie ai consigli di tante blogger - mi sto trovando a scoprire prodotti che sono ecobio ed efficienti, e con cui mi trovo benissimo! E che siano ecobio ben venga, purché funzionino! :)

      Un bacio a entrambe, e fatemi sapere se provate qualcosa di Biofficina! :)

      Elimina
  6. Non conosco questi prodotti ma ti ringrazio tantissimo per la recensione!

    Un bacione,
    Eleonora
    www.it-girl.it
    It-Girl Facebook page

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata di qui!

      Elimina
  7. Ciao Enrie, quanto torni? le tue recensioni mi mancano
    buon venerdì
    http://tr3ndygirl.com
    kiss

    RispondiElimina
  8. Che bel post!
    Buon sabato :)
    Valentina
    http://fashionneed09.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Eccoci qui con uno degli appuntamenti che preferisco di più, quelli dei prodotti beauty. Tu non sai quanto mi aiuti con questo post. Imparo un sacco di cose. Tipo che quel siero purificando viso sarebbe ideale per me in questo periodo. Sono d'accordo con te sul fondotinta, non è piaciuto per nulla neanche a me.
    Un bacio grande carissimo,
    Eni

    Eniwhere Fashion
    Eniwhere Fashion Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhh Eni non sai che piacere mi fa sentire queste cose! Io pensavo di annoiarvi con la mia miriade di post sui prodotti di bellezza, invece se vi fa piacere leggerli li faccio molto più volentieri - io personalmente li adoro, avrei dovuto fare il beauty blogger ahahah! Un bacio grande e a presto!

      Elimina
  10. In attesa del tuo prossimo post ti mando un grosso bacio.
    A presto,
    Eni

    Eniwhere Fashion
    Eniwhere Fashion Facebook

    RispondiElimina
  11. Ma quanti prodotti hai testato? Sei un mito! Mi hai convinto a provare Biofficina Toscana! Mi dispiace per la brutta esperienza con il fondotinta. Se ti piace L'Oreal io che ho la pelle sensibilissima sto usando Infaillible Mat 24 h e mi trovo benissimo. Il Frizz Ease super forte anche a me non è piaciuto, mentre mi sono trovata bene con quello
    Classico (arancione). Baci,
    Coco et La vie en rose - Valeria Arizzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah Valeee questa è solo una piccola parte! Sono profumeria-addicted ormai! :D Scherzi a parte, il trucco e i prodotti di bellezza sono la mia mania, e quindi mi piace sempre provarne di nuovi, e magari darvi qualche buon consiglio per i vostri acquisti! Il fondo di L'Oreal lo compro domani, mi incuriosisce troppo! E proverò anche l'antifrizz classico, questo qui nella confezione viola lo regalerò a qualcuno perché veramente non mi piace :( Buona giornata! :)

      Elimina